Richiedi preventivo

DAL 2017 LIBERO SCAMBIO

TRA UNIONE EUROPEA E CANADA


Idea-iconCOS’È?

Il CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) è un accordo economico globale siglato tra l’UE e il Canada che, una volta applicato, coprirà virtualmente tutti i settori/aspetti del commercio tra Canada e UE in modo tale da eliminare o ridurre le barriere. Il CETA sosterrà il commercio tra il Canada e il secondo mercato più grande del mondo, l’Europa.

In breve, il CETA eliminerà i dazi doganali, porrà fine alle limitazioni nell’accesso agli appalti pubblici, aprirà il mercato dei servizi, offrirà condizioni prevedibili agli investitori e contribuirà ad impedire le copie illecite di innovazioni e prodotti tradizionali dell’UE.

Per esempio, prima dell’entrata in vigore del CETA, solo il 25% dei dazi applicati sulla merce canadese in UE erano duty free. Dall’entrata in vigore, l’UE eliminerà i dazi sul 98% delle voci doganali. Una volta totalmente in vigore, l’obiettivo è di eliminare il 99% dei dazi. E viceversa per i prodotti che dall’Europa verranno importati in Canada.

La firma del CETA rafforza la percezione internazionale del popolo canadese, conosciuto per la sua cordialità e la sua prontezza nel cooperare. Un popolo che già conosce le potenzialità degli accordi di libero scambio, avendo firmato ben 22 anni fa il NAFTA (North America Free Trade Agreement) anche se non coi risultati auspicati. Col CETA sia il Canada che l’Unione Europa si propongono di pervenire a “parlare un linguaggio comune”, attraverso l’armonizzazione dei propri standard per un comune denominatore, ovvero il consolidamento dei legami di amicizia già esistenti fra le parti per uno sviluppo economico complessivo.

Si può quindi concludere che, per la sua struttura e per gli obiettivi che si pone di raggiungere, il CETA può essere considerato un accordo di riferimento per tutti gli accordi di libero scambio che saranno sottoscritti d’ora in avanti dall’UE.

Calendar-TimeQUANDO ENTRA IN VIGORE

Nel luglio 2016 la Commissione europea ha adottato i testi del CETA e li ha formalmente sottoposti al Consiglio dell’UE. Un esame giuridico del testo è stato portato a termine, ma il testo dell’accordo non è ancora vincolante a norma del diritto internazionale.

A seguito di una decisione del Consiglio, sarà possibile applicare in via provvisoria il CETA. La piena entrata in vigore sarà subordinata alla conclusione dell’accordo da parte dell’UE, con decisione del Consiglio e approvazione del Parlamento europeo, e da parte dei 28 Stati membri (probabilmente già entro gennaio 2017).

verification-of-delivery-list-clipboard-symbol_318-61556IL CETA IN DETTAGLIO 

  • Contribuire a generare crescita e posti di lavoro a livello nazionale
  • Abolire i dazi doganali: Il 99% dei dazi in importazione verranno rapidamente eliminati, la maggior parte di essi non appena l’accordo entrerà in vigore. I dazi verranno aboliti in misura considerevole anche nel settore agricolo e alimentare. Quasi il 92% dei prodotti agricoli e alimentari dell’UE verranno esportati in Canada in esenzione dai dazi. Questo determinerà un risparmio per gli esportatori di beni industriali e agricoli superiore a 500 milioni di euro.
  • Permettere alle imprese dell’UE di partecipare agli appalti pubblici in Canada: le imprese dell’UE potranno presentare offerte per gli appalti pubblici in Canada a tutti i livelli di governo, includendo per la prima volta anche le amministrazioni provinciali, responsabili di una parte consistente della spesa pubblica del Canada.
  • Rafforzare la cooperazione in campo normativo: attraverso la creazione di un Forum sulla cooperazione normativa come strumento di cooperazione volontaria per lo scambio di esperienze e di informazioni pertinenti tra le autorità di regolamentazione.  Ad esempio, entrambe le parti hanno convenuto di accettare i certificati relativi alla valutazione di conformità rilasciati dai rispettivi organismi in alcuni settori, ad esempio: gli apparecchi elettrici, i giocattoli, i macchinari, gli strumenti di misura. Ciò significa che un organismo di valutazione della conformità dell’UE può sottoporre a prova i prodotti europei destinati all’esportazione verso il mercato canadese in base alle norme canadesi e viceversa. Questo eviterà che entrambe le parti effettuino le stesse prove e potrebbe ridurre i costi sia per le società sia per i consumatori.
  • Proteggere le innovazioni e i prodotti tradizionali dell’UE
  • Liberalizzare gli scambi di servizi: Il CETA creerà nuove opportunità per le imprese europee, dando loro accesso al mercato canadese in settori chiave quali: i servizi finanziari, le telecomunicazioni, l’energia, il trasporto marittimo. L’accordo semplificherà la circolazione temporanea del personale delle società e dei prestatori di servizi tra l’UE e il Canada. Questo aspetto è particolarmente importante per le imprese che svolgono operazioni all’estero.
  • Promozione degli investimenti: L’accordo elimina gli ostacoli per gli investitori che desiderano entrare nel mercato canadese. Inoltre, garantisce che tutti gli investitori europei in Canada siano trattati in maniera equa e in condizioni di parità.
  • Garantire una buona cooperazione in futuro
  • Proteggere la democrazia, i consumatori e l’ambiente: Sono stati mantenuti gli standard di qualità vigenti. Solo i prodotti e servizi che rispettano pienamente tutte le regolamentazioni previste dall’UE saranno in grado di entrare nel mercato UE. Il CETA, infatti, non cambierà il modo in cui l’UE regola la sicurezza degli alimenti, compresi i prodotti OGM o il divieto di carne con gli ormoni.
  • Contribuire a generare crescita e posti di lavoro a livello nazionale
  • Il CETA potrebbe contribuire a stimolare la crescita e l’occupazione in tutta Europa.

thumbs-up-hand-outline_318-41813VANTAGGI 

Secondo il sito della Commissione Europea, i vari accordi di libero scambio siglati finora raggiungono velocemente gli obiettivi per i quali sono stati elaborati. Ad esempio, nei quattro anni successivi all’entrata in vigore dell’accordo con la Corea del Sud, le esportazioni dell’UE verso questo paese sono aumentate rapidamente, del 55% per quanto riguarda le merci e del 40% nei servizi.

Studi indipendenti confermano che il CETA potrebbe apportare uno stimolo agli scambi e agli investimenti ancora maggiore.

Inoltre, ogni miliardo di euro in esportazioni provenienti dall’UE supporta in media 14 000 posti di lavoro, i quali tendono a essere meglio remunerati rispetto a quelli che non dipendono dalle esportazioni: fino al 15% in più nel caso dei posti di lavoro altamente qualificati.

Visto e considerato quanto sopra, il CETA rappresenta un’importante opportunità di crescita per tutte le imprese Italiane che vorranno implementare i propri scambi col Canada, qualora già esistenti, o aprire questo nuovo mercato approfittando dei numerosi vantaggi offerti dall’accordo di libero scambio.


By |16 Gennaio 2017|News & Trends|

Iscriviti alla Newsletter XPED